11 Settembre e Free Energy: tante anomalie

Le anomalie nei video, nelle immagini e nei dati riguardanti il crollo degli edifici del World Trade Center formano una lista impressionante. Tutto quello che ci hanno tenuto nascosto sull’ 11 settembre.

11 SETTEMBRE: UNA DATA IMPORTANTE

Quell’anno lavoravo da pochi mesi per un’azienda che si occupa di web monitoring (monitoraggio di media online) e proprio il giorno del 11 settembre stavo scartando dei pasticcini da offrire ai colleghi. All’improvviso, uno dei net clipper della redazione (letteralmente: «ritagliatori di articoli online») corse da noi trafelato, ripetendo ad alta voce: «È giù il sito della CNN! È giù il sito della CNN! Dev’essere successo qualcosa di grosso…».
Solo qualche minuto dopo capimmo che i server del sito della più importante news tv del mondo erano stati mandati in tilt da milioni di utenti collegati insieme. Tutti stavano seguendo in diretta quanto stava accadendo: un aereo aveva colpito una delle due torri gemelle del World Trade Center di New York. Noi tutti corremmo al bar più vicino, in ufficio non c’erano tv, per seguire l’accaduto, col fiato sospeso. Qualche minuto dopo un secondo aereo colpì la seconda torre, e tutti noi, insieme a milioni di persone in tutto il mondo, ne fummo testimoni oculari.
02

Tutte le tv del mondo stavano trasmettendo esattamente lo stesso video, con la stessa inquadratura, nello stesso momento. Le torri e gli edifici limitrofi (tutti quelli facenti parte del complesso denominato «WTC», sette edifici in totale) collassarono su se stessi di lì a breve. L’ultimo di essi, il WTC7, crollò nel pomeriggio inoltrato, diverse ore dopo il primo crash.

Notizie giunsero anche in merito a un terzo Boeing dirottato dai terroristi che avrebbe colpito la facciata del Pentagono. Il centro nevralgico dell’Intelligence statunitense nella città di Washington. Era stato colpito senza che neanche in quel caso la potente contraerea degli Stati Uniti fosse riuscita a far nulla.

Il calo delle borse e le misure di sicurezza antiterrorismo

Tra gli effetti di tutto ciò, oltre a un crollo tremendo di tutte le borse e dei mercati, ci fu un’escalation di paura e controlli in tutto il mondo. Vennero stabilite misure straordinarie antiterrorismo, incluse nuove leggi. Alcune delle quali in aperta violazione della privacy e dei diritti umani dei cittadini, per la prevenzione di futuri «attacchi».

11-settembreI DUBBI SUGLI ATTACCHI DELL’ 11 SETTEMBRE

Centinaia di libri e documentari sono stati prodotti sull’ 11 settembre, molti dei quali mettono in discussione la versione «ufficiale» su quanto sia successo quel giorno. Su vari fronti, esperti indipendenti si sono schierati apertamente contro la commissione ufficiale che tentò di «spiegare» il crollo delle due torri (e degli edifici limitrofi).
Un anziano e barbuto latitante fu accusato fin da subito di avere architettato e coordinato il più terribile attentato terroristico della storia dell’umanità da una lontana caverna dell’Afghanistan.

La dichiarazione di Richard Gage

Richard Gage, è fondatore e presidente dell’associazione «Architetti e ingegneri per la verità sull’11 settembre».  In un’ importante trasmissione televisiva statunitense sostenne quanto lui e oltre 2000 professionisti indipendenti in tutto il mondo hanno sottoscritto. Ossia, non è possibile che un aereo faccia crollare una torre costruita proprio per resistere a incendi e terremoti. Anche a disastri aerei di quel genere.

E poi che possa farlo allo stesso modo un secondo aereo pochi minuti dopo. E tantomeno questo possa causare il collasso «selettivo» di edifici limitrofi (cioè il crollo circostanziato di alcuni edifici vicini e non di altri). Addirittura molte ore dopo il primo impatto, come nel caso del WTC7. E che questo sia avvenuto con «collassi» durati solo pochi secondi (meno di 10 secondi), che sfidano le leggi della gravità e di caduta dei gravi. Ne va della professionalità e credibilità di un’intera categoria (quella degli architetti e degli ingegneri civili, appunto), offesa dalle valutazioni lacunose della commissione.

LA PANCAKES THEORY E L’11 SETTEMBREtorri

La Pancakes Theory, utilizzata dalla commissione ufficiale per spiegare il crollo delle due torri, viene quindi duramente criticata. Il kerosene contenuto in un Boeing non sarebbe stato sufficiente a creare il calore necessario a «sciogliere» le strutture in acciaio dell’edificio. Inoltre non è possibile che il crollo di un piano sull’altro (uno dopo l’altro, come una pila di pancakes, appunto) sia avvenuto in così pochi secondi. Come se l’ultimo piano arrivasse a terra «cadendo nel vuoto», senza subire alcun rallentamento dall’impatto coi piani sottostanti.

Qualche altra tecnologia dev’essere stata utilizzata per far crollare così rapidamente le due torri e gli edifici limitrofi. In quelle che, a detta degli esperti indipendenti, sembrano più «demolizioni controllate» che crolli dovuti all’impatto di uno o più aerei, o agli incendi conseguenti.

A prescindere dal fatto che il mandante di queste «demolizioni controllate» possa essere stato veramente un terrorista afghano, certo occorre farsi più domande. Molte di più di quelle che si sono posti i giornalisti che hanno riportato l’evento sui media di tutto il mondo, imbeccati in merito dalle «versioni ufficiali».

Alcuni analisti indipendenti hanno addirittura messo in dubbio l’autenticità dei video dell’ 11 settembre presentati durante la diretta. In particolare uno stesso video trasmesso identico da tutte le tv in cui il secondo crash aereo sembrerebbe un montaggio. Frutto di una sovrimpressione preparata ad hoc. Come dimostrato da alcune imperfezioni che un esperto di video-editing avrebbe facilmente individuato.

11 SETTEMBRE E FREE ENERGY 

03Non è finita qui. C’è un’ incredibile scoperta in merito all’11 settembre che mi è capitato di fare. Si tratta di una «pesante» e approfondita indagine investigativa, supportata da centinaia di prove, video, foto, grafici e rilevazioni scientifiche. Queste sono raccolte in un volume di oltre 500 pagine intitolato Where Did the Towers Go? Evidence of Direct Free-Energy Technology on 9/11. «Dove sono finite le torri? Prove dell’utilizzo di Free-Energy Direzionale sull’ 11 settembre ».

L’indagine di Judy Wood sull’11 settembre 

Il testo è frutto di un’indagine forense condotta dalla dottoressa Judy Wood, ricercatrice universitaria Ph.D. E ne ha anche fatto oggetto di una denuncia legale allo Stato di New York.
Riguardo alle proprie competenze in materia, Wood scrive quanto segue. «L’oggetto principale delle mie ricerche è sempre stato nel campo della “fotomeccanica”, che prevede l’uso di immagini per determinare le caratteristiche dei materiali. Per questo è assolutamente naturale per me vedere anomalie nel comportamento dei materiali guardandone immagini fotografiche […]. Mi è capitato a volte di incontrare fenomeni inaspettati che si sono presentati a me come rompicapo. E risolverli mi ha fornito un’ampia esperienza sulle caratteristiche anomale dei materiali e sull’interferenza dei campi elettromagnetici.»
rqipx

LE ANOMALIE RISCONTRATE DA J. WOOD

Le cosiddette “anomalie” dell’ 11 settembre nell’analisi dei video, delle immagini e dei dati riguardanti il crollo degli edifici del World Trade Center formano una lista abbastanza impressionante. Neanche una demolizione controllata (con esplosivi militari o con piccoli ordigni nucleari) potrebbe spiegare.
  • Scioglimento di travi d’acciaio e strani fuochi senza alcuna emissione di calore.
  • Ribaltamento e strani danneggiamenti di oggetti pesanti (incluse auto «tostate» nei parcheggi limitrofi al WTC).
  • Incredibile assenza di detriti in corrispondenza degli edifici crollati (da cui la domanda «Dove sono finite le torri?»).
  • Presenza invece di enormi nubi di polvere finissima, durate per settimane (da cui il termine «polverizzazione», usato al posto di «crollo»).
  • Nessun rumore tipico di crolli del genere percepito dai testimoni sul luogo.
  • Dati sismici della zona che non riportano scosse sufficientemente forti o lunghe in corrispondenza dei crolli.
  • Centinaia di inspiegabili «jumpers», persone saltate nel vuoto dagli edifici, anche dai piani più alti e non incendiati, senza alcun motivo apparente.
  • Mancanza di danni rilevanti ai piani sotterranei e alla «vasca» che contiene il WTC e lo protegge dalle acque dell’Hudson River.
  • Mancanza di danni alle linee della metro che passavano proprio sotto le due torri; mancanza di danni agli edifici «al di là della strada» rispetto a quelli crollati.
  • Presenza incredibile di sopravvissuti in aree isolate ai piani più bassi delle due torri, che sarebbero dovuti rimanere schiacciati dal crollo di 110 piani sopra le loro teste… e così via.

Polverizzazione in maniera localizzata: una nuova Hiroshima

La lista è davvero lunga e supportata da dati e prove scientifiche. Secondo Wood una qualche forma di energia diversa da quelle «convenzionali» è stata utilizzata per la demolizione degli edifici del WTC. Una forma di energia «direzionale», una sorta di «campo di forza concentrato». Capace di sciogliere e polverizzare in maniera localizzata. E lasciare completamente intatto tutto quanto era nelle immediate vicinanze e al di sotto degli «obiettivi».

Si tratterebbe quindi di una «Nuova Hiroshima». In cui sarebbe stata dimostrata al mondo intero la capacità di controllare una nuova forma di energia a scopi «terroristici» (o «militari»). Come durante la seconda guerra mondiale era accaduto con la fissione nucleare. Poi utilizzata anche a scopi civili per la produzione di energia elettrica. Ora una nuova forma di energia sarebbe stata svelata al mondo intero.

E secondo Wood essa potrebbe avere a che vedere con gli studi più avanzati di Nikola Tesla, probabilmente portati avanti in segreto da altri dopo la sua morte. E sappiamo che lo stesso Tesla collaborò coi militari prima di morire. Non avendo altre forme di sostentamento, convinto da essi a sfruttare il suo genio proprio per ideare il cosiddetto «raggio della morte».

freeenergyL’UMANITA’ SI TROVA AD UN PUNTO DI SVOLTA

È indubbio che tanti scienziati indipendenti si siano misurati finora con le cosiddette tecnologie «Free Energy». E quindi esistono serie possibilità che qualcuno di essi sia davvero riuscito a ottenere energia pulita. Libera da fonti innovative, a basso impatto e a basso costo.  Si pensi alla fusione fredda, energia del vuoto, elettromagnetismo, motori magnetici o gravitazionali, o chissà cos’altro. Capaci di risolvere la dipendenza dell’umanità dalle fonti fossili, come anche di essere trasformate in potenti armi di distruzione.

La scelta di chi dovesse ottenere questo grande risultato sembrerebbe oggi ristretta a due possibilità. Brevettare la propria scoperta per metterla sul mercato. Rischiando di essere «convocato» dai militari, «comprato» dalle lobby del settore. O fatto «sparire», come successo ad esempio a Tesla, Reich, Majorana e Mallove. In alternativa tenerla ben nascosta nel «garage di casa», evitando di sfruttarla commercialmente e di esporsi troppo per non subirne le conseguenze.

Come hanno fatto ad esempio Ighina, il quale non brevettò mai le sue scoperte, morendo quindi tranquillo e ignorato nella sua casa di Imola. Oppure il ricercatore canadese John Hutchison, tirato in ballo da Wood insieme a Tesla per spiegare alcune anomalie riscontrate l’ 11 settembre. Costui pare sopravviva vendendo su Internet strani oggetti «fusi» durante i suoi esperimenti.

Le teorie del complotto

Forse mi sarò dilungato a rincorrere bizzarre «teorie del complotto» (così definite dalle solite scimmie rosse, storicamente imbeccate dalla CIA…). Ma ciò che credo con fermezza è che, grazie alle scoperte scientifiche che sono sul punto di emergere, è certo che l’umanità si trovi a un punto di svolta. Userò le parole di Wood pronunciate al termine della sua indagine. «Controllare l’energia, in base al tipo di energia, può distruggere o salvare il pianeta. Ora abbiamo una scelta. E la scelta è reale. Possiamo vivere felicemente nella prosperità, oppure distruggere il pianeta e morire, insieme a ogni essere vivente che lo abita

Per questo oggi più che mai è fondamentale che ognuno di noi, a partire dalla propria vita quotidiana, faccia scelte consapevoli anche in merito all’energia che utilizza.

 rqipx

Per applicare queste informazioni nella tua vita, impara l’RQI.

Scopriamo insieme l’RQI:

Il Riequilibrio Quantico Integrato è un Metodo che permette a chiunque di Comunicare con l’Inconscio, il quale è responsabile dal 95 al 99% della Nostra Vita. La Mente Inconscia oltre a controllare tutte le funzionalità dell’organismo (dalla respirazione al battito cardiaco, dalla digestione all’equilibrio ecc…), determina i nostri comportamenti, sopratutto a come reagiamo e ci adattiamo all’ambiente. Oltre l’80% dei nostri problemi e difficoltà sono dovuti a programmazioni Inconsce avvenute nei primi anni di Vita dai Nostri genitori e dall’Ambiente in cui abbiamo vissuto.

Dopo oltre 10 anni di ricerca e testato su oltre 30.000 persone, il Metodo RQI è un insieme di procedure che permette a chiunque (abbiamo utilizzatori dai 5 al 98 anni di età) di comunicare con il proprio Inconscio e Individuare e Eliminare tutte le Cause che ci impediscono di Auto-Guarire o Risolvere qualsiasi Problema  Fisico, Energetico e Psicologico/Spirituale. Infatti imparando ad Auto-Star-Bene (ovvero essere in equilibrio Fisico, Energetico e Mentale) si è in grado di Raggiungere qualsiasi Obiettivo anche Economico o relazionale oltre che di Salute e Benessere.

L’RQI cambia la realtà che ti circonda utilizzando le stesse frequenze e informazioni che puoi creare quando la Mente è connessa con il Cuore. Questo ci fa diventare come maghi, dei veri creatori della nostra vita.

Purtroppo però c’è un ostacolo…

…Qualcosa che ci impedisce di essere connessi al nostro cuore.

Prova a fare questo piccolo esercizio ora:

– Chiudi gli occhi
– Non pensare a nulla
– Riaprili quando ti arriva il primo pensiero

Quanto tempo è passato?

10 secondi? 20 secondi? 60 secondi?

Ecco il vero problema:

Crediamo di avere dei pensieri e delle preoccupazioni causati dai nostri problemi, invece è l’esatto opposto: sono i pensieri che creano i nostri problemi.

I problemi, in realtà, non sono altro che “dissonanze”: cioè vibrazioni che non sono in armonia, poiché creati dalla nostra “Mente che mente”. L’unica verità, infatti, viene dal nostro Cuore.

Il Cuore è l’amore, è la nostra parte divina che interviene e risolve qualsiasi problema, in modo che i pensieri sulle difficoltà della vita non intossichino più la nostra Mente.

L’unica cosa che dobbiamo fare quando incontriamo un problema è mettere in risonanza la nostra Mente con il nostro Cuore e questo prende il nome di “COERENZA”.

Puoi Imparare l’RQI attraverso il Corso Multimediale:

CORSO COMPLETO
(Oltre 4 ore di contenuti pratici suddivise in 13 LEZIONI)

  • Il Corso è la video-registrazione del Corso in Aula “RQI® – Autotest e Comunicazione con l’Inconscio”, che è possibile visionare quando e dove è più comodo per te.
  • Il Corso sarà sempre a tua disposizione nell’area riservata del sito, visionabile da qualsiasi dispositivo collegato ad internet.

I risultati del Metodo RQI® sono approvati dalla Scienza:

Un Istituto di ricerca americano che da 25 anni fa test scientifici, ha dimostrato ampiamente che chi riesce a stare in Coerenza per almeno 60 minuti al giorno riduce la probabilità di fare errori del 70% aumentando l’aspettativa di vita dai 10 fino ai 25 anni.


Questo Istituto ha inoltre creato un dispositivo per misurare il proprio stato di Coerenza e su oltre 5.000.000 di utilizzatori in tutto il mondo, quelli più in Coerenza vivono in Italia e praticano gli strumenti del Metodo RQI®.

Da queste misurazioni si può evincere che il l’RQI® è statisticamente il 6000% più efficace nel raggiungere la Coerenza rispetto a qualsiasi altra tecnica o meditazione praticata da millenni.


Inoltre il Metodo RQI® in pochi anni, oltre ad essere riconosciuto a livello mondiale come un Percorso di Formazione Specialistico nelle Arti e Discipline Olistiche, è stato oggetto di uno studio Antropologico dell’Università di Amsterdam, in cui l’hanno così definito:

“RQI® è un metodo spirituale fatto a misura di scettico, cioè è un percorso che va molto al di là della guarigione, intraprendendo in realtà un sentiero d‘illuminazione personale che dischiude una saggezza millenaria.”


Rifletti un momento…

…che valore potrebbe mai avere il Metodo che ti consente di individuare in ogni aspetto della tua vita quali sono le vere cause dei tuoi problemi e di trovare da solo le migliori soluzioni per risolverli definitivamente?

Inoltre per farti ottenere subito
dei risultati tangibili avrai in omaggio il KIT 4 ELEMENTI

Durata 28 giorni

Il KIT 4 ELEMENTI è formato da:

1. Q DISK Equilibrio Energetico

Vantaggi per te:
Grazie al Q Disk Blu ottieni un equilibrio dei flussi energetici del tuo corpo (agopuntura senza aghi) e quindi ridurrai o risolverai problemi fisici come: dolori, infiammazioni, insonnia, mal di testa e tutti i malesseri in generale.

2 e 3. I Q DISK Forza Vitale e Recupero

Vantaggi per te:
Grazie al Q Disk Rosso  ottieni un miglioramento nelle prestazioni fisiche e atletiche, da subito avrai più energia, più forza e più lucidità intellettuale,  inoltre grazie al e Q Disk Verde otterrai inoltre un recupero più rapido e una migliore qualità del riposo.

4. Q DISK Riequilibrio Metabolico

Vantaggi per te:
Grazie al Q Disk Giallo ottieni un maggiore equilibrio metabolico e riduci la fame nervosa.

QUALI SONO I RISULTATI DI CHI HA SEGUITO IL CORSO?

Testimonianze

Ottimo corso, grazie al metodo ho imparato a crescere tanto. Ringrazio l’ideatore del metodo per aver messo a disposizione di tutti a prezzi bassi queste informazioni.

Luca F.

Sto utilizzando da qualche tempo e devo dire che quando ho un dolore/infiammazione dopo pochi minuti che ho posizionato qdisk sul punto il dolore passa. Per adesso non sono mai rimasto deluso
Jo

Ho acquistato il corso appena uscito ed ho iniziato ad applicare il metodo da subito con ottimi riscontri. Un grande grazie a tutto lo staff per aver implementato il tutto in modo fruibile da tutti.

Marta C.

Attraverso il corso “Autotest” ho imparato ad entrare in comunicazione con l’inconscio per capire (in totale autonomia) cosa è forte e cosa è debole, cosa ti serve e cosa no, cosa è in risonanza con te e cosa no.

Riva

Utilizzo le biotecnologie bianche q disc q card e q food da 5 anni con risultati sorprendenti sulla mia salute su quella dei miei 2 bambini per ogni tipo di problematica

Daniele

Ho quasi tutte le biotecnologie olistiche,le uso per problemi fisici e non, per la casa, l’acqua , il cibo, l’orto, per il risparmio energetico e l’elettrosmog. Ogni problema ha una soluzione grazie al metodo

Francesca

OFFERTA LIMITATA:
VIDEO CORSO RQI "Autotest e Comunicazione con l'inconscio" + IL KIT 4 ELEMENTI in omaggio

Il Corso RQI “Autotest e Comunicazione con l’Inconscio” e il KIT 4 ELEMENTI hanno un valore commerciale di 377€ Euro. Ma te li voglio regalare, infatti i costi di produzione e di lavorazione (che rappresenta l’80% del costo del prodotto) sono completamente a carico mio, ti chiedo solo di pagare il restante 20% (che sono i costi  pubblicitari, amministrativi, logistici e tasse).

IMPARA ORA L’RQI attraverso il Video-Corso a soli 72€ + IVA

Inoltre se non sarai soddisfatta/o?
Garanzia 100% soddisfatti o rimborsati

L’obiettivo di RQI è che tutti i corsisti apprendano il Metodo RQI® per migliorare la propria vita. Il Corso RQI® è pensato per dare, a tutti, gli strumenti per essere indipendenti e felici.

E’ di fondamentale importanza per noi, che tu possa applicare nel tuo quotidiano tutto ciò che hai imparato durante il Corso: sarà nostra premura, infatti, aiutarti verso la migliore comprensione di tutte le conoscenze.

LA QUALITÀ DEL SERVIZIO VIENE PER NOI AL PRIMO POSTO!

Chi è l’ideatore e Inventore del Metodo RQI  delle BIOTEC

Ciao, sono Marco Fincati, inventore delle BIOTEC.

Se non mi conosci, ti do qualche breve informazione su chi sono e su come sono arrivato alla creazione delle Metodo RQI che mi ha permesso di inventare le BIOTEC.

La mia storia inizia in modo tutt’altro che semplice: difficoltà economiche, un problema di salute che stava condizionando pesantemente la mia vita, problemi familiari e poche prospettive per il futuro.

La mia vita sembrava non avere una chiara direzione e a quel punto ero consapevole che, se non avessi fatto qualcosa per cambiare la situazione, mi sarei portato appresso questi problemi per tutta la vita.

Fino a quel momento, nessuno era riuscito ad aiutarmi e ho capito che dovevo trovare la causa dei miei problemi da solo. Ho iniziato quindi a studiare e ad informarmi e a testare le competenze acquisite.

In tutto, ho trascorso 4 anni seguendo corsi e studiando tutto il materiale che trovavo su discipline quali filosofie orientali antiche, fisiologia, fisica quantistica, spiritualità, biotecnologie ecc…

Inizialmente, ero focalizzato sul trovare quali di queste discipline avesse la soluzione, ma poi ho scoperto che ognuna di esse ha la sua “verità”, ha le sue cause e le sue soluzioni.

Sono arrivato a capire che per ognuno di noi esiste la propria personale soluzione, in base a ciò in cui il nostro inconscio crede. In poche parole, tutto parte dalla mente e da quanto siamo in “coerenza”.

Per i successivi 2 anni ho applicato come terapeuta queste conoscenze, lavorando con migliaia di persone risolvendo i loro problemi.

È stato allora che ho capito di aver trovato un Metodo che racchiude tutte queste discipline, che ho chiamato RQI – acronimo di Riequilibrio Quantico Integrato.

Man mano il passaparola tra le persone soddisfatte ha fatto aumentare a dismisura la richiesta.

Io stesso come terapeuta avevo un limite di persone che potevo aiutare, è così che ho capito che per aiutare molte più persone dovevo insegnare a loro stesse il Metodo RQI e di come applicare le BIOTEC, in modo che non avessero più bisogno di me e che potessero Auto-guarirsi.

Ciascuno di noi ha dentro di sé il potenziale necessario per Auto-Star-Bene, deve solo capire come accederci, ed è questo che ti aiuta a fare RQI e LE BIOTEC.

Marco, ma perché fai tutto questo?

Perché lo faccio? Verrebbe naturale rispondere per puro guadagno, visto che tutto il mondo è mosso dall’utilitarismo.

Proprio per questo ti faccio una premessa: tutti gli eventuali utili di RQI e delle BIOTEC sono destinati a scopi umanitari. Credo infatti che solo aiutando gli altri, aiutiamo noi stessi, ed è proprio quello che fa RQI.

Nel mio lavoro, NON sono ispirato dal bisogno di denaro, sono infatti finanziariamente libero da 7 anni. Inoltre, non percepisco alcun compenso per insegnare e divulgare l’RQI e tutti gli utili sono utilizzati per finanziare i Progetti Penisola Italica.

Credo così tanto in questo progetto che nonostante riceva grosse offerte da parte di grandi multinazionali per avere l’esclusiva del Metodo RQI e delle Biotecnologie Olistiche, scelgo sempre di rifiutare.

Anche se le proposte mi fanno gola – e farebbero gola a chiunque! – ho fatto una scelta diversa: ho scelto di investire nei privati o piccole medie aziende.

Grazie a questo, l’obiettivo è ridistribuire la ricchezza che ora è in mano all’1% della popolazione e creare un piccolo mercato interno, in grado di creare una Società Migliore di quella in cui stiamo vivendo. Un Mondo Migliore basato sul LIBERO ARBITRIO, ONORE ED EQUILIBRIO

IMPARA ORA L’RQI attraverso il Video-Corso a soli 72€ + IVA