COSCIENZA COLLETTIVA (GLOBALE) Q PROJECT ideato da Marco Fincati

La Coscienza Globale e il Q-Project

La Coscienza Globale e il Q-Project

Tutti gli esseri umani fanno parte di una coscienza collettiva più grande che li comprende e li mette in interconnessione tra loro: a conferma anche uno studio effettuato dalla prestigiosa Università di Princeton.

Del concetto di Coscienza Collettiva o Globale già si era sentito parlare da tempo in quegli ambienti cosiddetti “informali” perché spirituali o comunque non legati alla scienza tradizionale, dove emergono verità interessanti e fondamentali purtroppo spesso taciute per meri interessi economici.
Questa volta invece ci troviamo di fronte ad un piacevole colpo di scena, in quanto è proprio l’Università di Princeton ad aver approfondito la questione attraverso una ricerca portata avanti per 14 anni. Questo studio, denominato Global Consciousness Project, avrebbe analizzato i dati provenienti da elaboratori informatici sparsi in tutto il globo in relazione all’impatto di eventi collettivi che avrebbero coinvolto o sconvolto l’umanità sotto diversi aspetti.

Gli esseri umani sono collegati tra loro e la Coscienza Collettiva devia le risposte dei computer.

Ciò che emergerebbe in maniera evidente è che tutti gli esseri umani sono collegati tra loro e che il sentire collettivo sia in grado addirittura di “modifcare” le risposte dei computer.

Una ricerca che va avanti da 14 anni e che è stata resa possibile attraverso la predisposizione di 144 generatori di numeri casuali, denominati “Eggs”, ossia uova, in ogni parte del mondo.

egg-mapIl compito principale di questi generatori consiste nel creare costantemente i numeri “0” e “1” in maniera casuale e di formulare in anticipo previsioni sui numeri casuali che stanno per generare. In base ai principi della “Casualità Prevista”, sono in grado di misurare la frequenza delle coincidenze fra i numeri casuali estratti e le ipotesi pronosticate ad essi relative. Più semplicemente: prima cercano di indovinare se uscirà “0” oppure “1”, estraggono uno dei due numeri e infine verificano le volte in cui la previsione si è rivelata corretta.

Secondo le leggi della statistica, dopo un elevato numero di tentativi, in genere i risultati si stabilizzano intorno alla probabilità del 50/50. Fatto che non si è verificato quando le “Uova” erano monitorate contemporaneamente durante eventi importanti per la coscienza dell’umanità.

Un’anomalia significativa, in quanto i dispositivi iniziavano ad indovinare un considerevole numero di risultati allontanandosi moltissimo dai parametri di attendibilità statistica. Queste variazioni continuarono ad essere riscontrate e monitorate ogni qual volta accadevano disastri aerei, eruzioni vulcaniche, tsunami ed eventi come la cerimonia di apertura delle Olimpiadi.

pensiero_energia_materiaLa Mente Umana Collettiva

A capo del Global Consciousness Project, troviamo il Dr. Roger Nelson che continua ancora oggi a registrare dati del tutto sorprendenti in quanto completamente fuori dal calcolo delle probabilità.

Altro aspetto rilevante è che queste conoscenze potranno essere utilizzate come modelli di riferimento per poter dare inizio ad una nuova ricerca sulla coscienza che fino ad ora sembrava quasi impossibile e ad esclusivo appannaggio di gruppi considerati new age.

 

Lo stesso Marco Fincati, ideatore del Metodo RQI e co-fondatore di Q Institute, era giunto già da tempo alle medesime conclusioni riguardanti la coscienza collettiva ideando addirittura il Q Project.

Un Progetto che dimostra che attraverso lo stato in coerenza di un certo numero di persone è possibile trasformare la coscienza collettiva di un intero territorio. E quindi anche la sua realtà globale.

 

Guarda qui il Video dell’intervista a Marco Fincati:

Articolo a cura di Catia Demonte

Fonte: hearthaware.wordpress.com 

Scopri subito cosa sono il Q PROJECT® e il Metodo RQI®

COMPILA IL MODULO E RICEVI SUBITO LE VIDEO-LEZIONI GRATUITE RQI

Scroll Up